Il bimbo dei sogni

542480008_355cc0a4b0_zQuel giorno che mi sono sposata,l’8 giugno 2002, quando il sacerdote disse la frase rituale – siete pronti ad accettare con amore i figli che Dio vorrà donarvi? – io nella mia mente risposi:” NO! io prima mi voglio godere il matrimonio e divertirmi con mio marito!”

Iniziato il primo anno di rapporti liberi ero veramente felice, non pensavo ad avere figli, anzi a volte dicevo a mio marito: aspettiamo! Passato un anno però inizia dentro di noi il dubbio e se ci fosse qualcosa che non va? Così per stare tranquilli vado alla mia prima visita. Allora nel 2003, il ginecologo mi faceva solo tampone, pap test e visita, senza ecografia, e tutte le volte diceva: “tutto ok state sereni che arriverà”.
Siamo a Giugno 2004, la gravidanza non arriva e cominciano le prime pressioni da parte di parenti e le incomprensioni con mio marito. A quel punto il ginecologo vedendoci arrabbiati perché non era ancora arrivata la gravidanza, ci dà il ben servito dicendoci che non può più seguirci e ci dice di rivolgerci ad un centro di PMA. Lì comincia a cambiare la mia vita, e inizio a pensare che c’è qualcosa in me che non va ma non accetto di andare al centro ma mi sento di tentare “l’ultima carta”, così  ci prenotiamo in ospedale per fare la IUI. Iniziamo così a fare i primi esami e la prima ecografia, dove mi viene riscontrata una specie di massa di 3 cm nell’ovaio sinistro che a parere dei medici era una semplice ciste ovarica. Esco da lì piangendo e pensando di avere qualcosa di brutto, questa ciste non mi convinceva, ma comunque inizio la terapia ormonale e faccio la IUI verso maggio 2006 con esito negativo. Inizia così per me il vero calvario, voglia di buttare tutto per aria e inizio a rimpiangere la frase pensata il giorno del mio matrimonio.

Dopo la delusione iniziale, tra amici e parenti veniamo a sapere di un ginecologo vicino S.: fissiamo un appuntamento e decidiamo di farci dare un’altro parere. Anche lui nell’eco vede questa ciste ed inoltre avevo anche tipo foruncoletti che mi facevano prurito nella vulva che faccio notare al ginecologo, ma lui disse che era una semplice infiammazione, così mi dà una crema ed integratori a me e mio marito, dicendo che entro poco tempo sarei rimasta incinta.
Fino al 2008 facciamo un via vai di monitoraggi, integratori e rapporti mirati, finché mio marito inizia a stufarsi ed anche io sinceramente e decidiamo di parlare chiaro con il dottore. Risultato? Anche lui ci dà il ben servito e ci manda dal suo “capo”, “lui sicuramente vi aiuterà”.

Delusi decidiamo di fare l’ennesimo tentativo da questo famoso primario di M. e dopo avermi fatto isteroscopia vede questa ciste e mi dice che devo essere operata per rimuoverla, perché poteva ingrandirsi, e comunque grazie a Dio era sempre ferma, nonostante le cure che avevo fatto. Finalmente vengo operata ai primi di febbraio 2009 in laparoscopia, mi viene rimossa questa ciste endometriosica e relative aderenze.

16 Marzo 2009 INCINTA. Non riuscivo a crederci. Pianto, un emozione indescrivibile. Vado verso le 6 settimane dal ginecologo per visita di controllo, e vediamo camera gestazionale ed embrioncino, come se giocasse nella mia pancia. Io già lo chiamavo amore di mamma e mi guardavo le prime sue foto dell’ecografia, prossimo controllo verso le 8 settimane. Andiamo per l’ecografia, vediamo il sacco gestazionale e l’embrioncino era inerme, come quando si deposita un grumo di sangue dentro un bicchiere di vetro.
Guardo il medico e gli dico: “cosa è?”
“Mi dispiace signora ma il piccolo non ce l’ha fatta.”
“Mi scusi, ma cosa sta dicendo??”
“Qui non c’è nessun bambino, si è staccato…dobbiamo fare il raschiamento al più presto.”
Esco dalla stanza del medico piangendo come una pazza o gridato verso il cielo ed ho detto: “Dioooo perché mi hai tolto mio figlio??”
Mi viene fatto l’intervento dopo 3 giorni, perché non c’erano posti in ospedale, nel frattempo pregavo che non mi venisse un avvelenamento o altro.

Dopo quel giorno iniziai ad avere sempre crisi di ansia ed attacchi di panico, mi aggrappavo un po’ a tutto alla medicina tradizionale e alla preghiera, passando 2 anni con la paura che mi potesse accadere di nuovo lo stesso dramma. Passati 2 anni, inizio a stare meglio, grazie anche alla Fede e alla Chiesa decido di impegnarmi come volontaria e nel frattempo, visto anche la sofferenza di mio marito, decido di ritentare ad avere un figlio.
Dopo qualche mese di cura ormonale e rapporti mirati il 10 Agosto 2011 il test è positivo!!! Inizio ad essere felice ma sempre preoccupata, avevo cambiato anche ginecologo perché nel raschiamento quello stronzo – scusate l’espressione – mi aveva trattato peggio di un cane. A 6 settimane iniziano piccole perdite marroni, inizio ad avere paura, ma chiedo al ginecologo e mi assicura che sono normali nelle prime fasi della gravidanza, ma più passavano i giorni e più aumentavano diventando come sangue secco e dolore tipo ciclo. Vado così in ospedale dove lavorava il mio ginecologo che mi fa subito l’eco e vede che anche qui non c’è più nulla da fare. Altro raschiamento.
Avevo una coroncina al collo guardai la croce e dissi : quando finirai di mettermi alla prova?

Dopo questo ennesimo intervento inizio ad avere di nuovo attacchi di ansia sempre più forti, ma riesco comunque a gestirli grazie anche alla preghiera e mio marito, che vedevo sempre più triste, quindi nonostante soffrivo di panico decidiamo di approfondire la situazione dove mi viene diagnosticata la trombofilia genetica. Dopo altri 3 ginecologi, rapporti mirati, esami e 4 anni di tentavi falliti non cè stata più gravidanza per me. L’ultima spiaggia: La Fivet. non so ancora decidermi forse per i troppi guai che ho passato in 13 lunghi anni…

Altra cosa… i famosi foruncoletti sono stati diagnosticati come Papilloma Virus che mi è stato curato appena in tempo lo scorso anno e per miracolo ho evitato il tumore al collo dell’utero!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...